https://www.venpred.com/

 

Il seggio vacante

Libri vari / Narrativa straniera

Autore: Rowling J. K.

Editore: Salani

Collana:

Anno:

EAN/ISBN: 8867150960

LIBRO disponibile in pochi giorni
20.90€
Prezzo iniziale 22.00€; Sconto 5 %
 
A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un'idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un'antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all'interno dell'amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l'unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. J.K. Rowling firma un romanzo sulla società contemporanea, una commedia sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina da non lasciare indifferenti.
La recensione di VENPRED
Deciso a portare sua moglie fuori a cena il consigliere Barry Fairbrother non immagina neanche lontanamente che proprio quella sera un aneurisma stroncherà per sempre la sua vita. Nella tranquilla e graziosa cittadina di Pagford in cui è ambientata la vicenda la vita scorre senza troppi turbamenti, gli abitanti conducono le loro esistenze al limite dell’ipocrisia e della finzione, concentrati unicamente sui propri interessi personali. Di fronte alla morte - improvvisa e inaspettata – di Barry però nessuno può restare indifferente. Tuttavia, dietro la facciata che impone il buon senso comune, tutti sono percorsi da un brivido di piacere, irresistibilmente attratti dal seggio lasciato vacante dal defunto consigliere. Lo scatenarsi di un’infima lotta fra le parti per accaparrarselo allora è il minimo che possa accadere. Chi avrà la meglio alla fine? Quanto sono disposti a scendere in basso i vari concorrenti?
Mentre il mondo degli adulti sprofonda nel baratro della miseria umana e dell’ipocrisia, parallelo viaggia un altro universo, quello brutale ma ancora autentico degli adolescenti. Così, se alcuni stramazzano al suolo morti o distrutti dal dolore, altri fioriscono, fanno esperienze o molto più semplicemente vivono, a testimoniare la forza della vita e la crudeltà che la legge della natura talvolta impone.
Dimessi i panni della scrittrice di fantasy e abbandonato il simpatico maghetto dagli occhialini tondi, forse stufa delle saghe fantastiche, questa volta la Rowling prova a raccontarci la vita reale: Il seggio vacante descrive infatti l’esistenza banale, ripetitiva e povera di eventi che spesso rende le persone meschine, egoiste e noncuranti, ma in cui paradossalmente ciascuno di noi potrebbe riconoscersi. Non è un caso allora che nel primo romanzo per adulti dell’autrice inglese non vi siano personaggi principali ma tutti siano presentati allo stesso livello, né che la vicenda sia ambientata in una fittizia cittadina immersa nella campagna inglese ma rappresentativa di tante città realmente esistenti. Il mondo che la Rowling vuole raccontarci in questo romanzo è quello quotidiano, spietato e bipolare in cui gli esseri umani sono tutti ugualmente scissi fra l’essere e il dover essere, incapaci di andare oltre i propri limiti e trascendere se stessi: la realtà in cui spesso - magari senza accorgercene - ci troviamo ad essere immersi anche noi.
Per compiere un’operazione simile l’autrice ha dovuto necessariamente cambiare genere e cimentarsi con la scrittura di un romanzo, il genere più ibrido e frastagliato ma per eccellenza rappresentativo della modernità, l’unico che, dati i suoi confini incerti, consente di raccontare qualsiasi cosa in qualsiasi modo. Che poi per l’autrice della fortunata saga di Harry Potter il banco di prova sia stato ancora più arduo è facilmente immaginabile: da uno scrittore di successo ci si aspetta sempre il meglio, ciò non toglie però il riconoscimento dell’onestà narrativa che pervade Il seggio vacante e del tentativo pienamente riuscito di restituire ai lettori, attraverso un microcosmo di finzione, l’immagine di un macrocosmo molto più ampio, uno spaccato reale del mondo che li/ci circonda.


  • Formato
    2012, 553 p., rilegato
  • EAN
    8867150960
  • prezzo
    20.90€

Ti potrebbe interessare anche...

Richiesta di informazioni

@
 Utilizzo dei dati *